Bagno di folla per i 70 anni di Confcooperative in Sardegna

Si è trattato di un vero e proprio bagno di folla quello visto giovedì 3 ottobre considerato che oltre trecento persone hanno affollato la sala riunioni del Caesar’s Hotel di Cagliari per l’evento conclusivo dei festeggiamenti dei 70 anni di Confcooperative in Sardegna.

E come promesso è stata davvero una festa delle cooperative di Confcooperative, numerosissime e molto partecipative, e della cooperazione in generale con tantissimi ospiti che hanno dato un senso al titolo di tutte le celebrazioni, vale a dire “un futuro iniziato 70 anni fa”, ribadendo ancora una volta l’importanza del modello e dei valori cooperativi come evidenziato dal bel video che ha dato inizio all'Assemblea.

GUARDA IL VIDEO 70 ANNI CONFCOOPERATIVE IN SARDEGNA

foto per link video2

Dopo la lettura di un messaggio dell’Arcivescovo Arrigo Miglio e i saluti istituzionali del Presidente del Consiglio Regionale Michele Pais, del Sindaco di Cagliari Paolo Truzzu, dei Rappresentanti di Legacoop Sardegna Claudio Atzori e AGCI Sardegna Giovanni Loi e del Presidente della Banca di Cagliari Aldo Pavan, è stata la volta della relazione del Presidente di Confcooperative Sardegna Fabio Onnis.
Nel suo intervento il Presidente Onnis ha voluto brevemente ricordare la storia della cooperazione in Sardegna per poi focalizzare l’attenzione sulle problematiche future con un particolare riferimento alla nuova legge regionale sulla cooperazione che sarà discussa nei prossimi mesi.

DSC_1021

Al termine della relazione di Fabio Onnis è stata la volta dell’Assessore del Lavoro e della Cooperazione Alessandra Zedda che ha ripreso l’argomento della nuova legge della quale è la prima grande sostenitrice.

Concluso l’intervento dell’Assessore Zedda si è svolta la Tavola rotonda con i Presidenti delle Unioni Territoriali, Roberto Savarino Confcooperative Cagliari, Gavino Soggia Confcooperative Sassari Olbia, Francesco Sanna Confcooperative Nuoro Ogliastra e Antonio Luigi Medardi Confcooperative Oristano.

DSC_1099
In tutti i loro interventi i Presidenti territoriali hanno ribadito come il modello cooperativo può e deve essere lo strumento per rispondere alla crisi del momento, considerato che il modello cooperativo è quello che vive nei territori e che si alimenta delle energie dei territori, dei suoi abitanti, delle risorse ambientali e culturali, del capitale umano, dei saperi più tradizionali e più innovativi.

Dopo la tavola rotonda una bella targa, con riconoscenza per la professionalità e la dedizione a servizio delle cooperative, è stata consegnata alla signora Alessandra Costa, storica dipendente di Confcooperative Sardegna ma soprattutto Responsabile Regionale dell’importantissimo Servizio Revisione.

DSC_1233

Un momento molto apprezzato della giornata è stata la Celebrazione dell’Art.45 Costituzione Italiana, che riconosce il valore anche costituzionale della cooperazione, attraverso una rappresentazione teatrale delle cooperative culturali di Confcooperative tra cui Cada Die Teatro, Intrepidi Monelli e il Teatro del Sale.

_DSC0347

Il momento di festa più atteso è stato comunque quello nel quale hanno preso la parole alcune delle cooperative aderenti, vere protagoniste della vita di Confcooperative che attraverso le loro storie hanno raccontato le difficoltà ma anche e soprattutto le grandi soddisfazioni del lavorare in maniera cooperativa, che punta sulle persone e sulla capacità di generare un giusto utile aziendale da reinvestire sulla comunità nella quale operano.

DSC_1273 DSC_1281 DSC_1301 DSC_1324 DSC_1330

Le conclusioni della giornata sono state affidate al Presidente Nazionale di Confcooperative, Maurizio Gardini che ha parlato delle prospettive di sviluppo della cooperazione e delle possibili politiche nazionali e europee che la sostengano specificamente in Sardegna evidenziando che i cooperatori sono donne e uomini concreti che vogliono con responsabilità stare affianco alle Istituzioni per costruire un futuro sostenibile sul piano socioeconomico, culturale e ambientale.

DSC_1353

Cagliari, 11 ottobre 2019

I commenti sono chiusi