Decreto 21 dicembre 2018. Chiarimenti su nasse e trappole in materiale plastico

Anche a seguito della pressante richiesta di FedAgriPesca e delle altre organizzazioni dell’Alleanza Cooperative Pesca, sarà emanata a breve una circolare esplicativa con la quale il Ministero delle Politiche Agricole chiarisce che le trappole in materiale plastico, citate nel recente Decreto del 21 dicembre 2018 a firma del Sottosegretario Manzato, nulla hanno a che vedere con l’attrezzo denominato nassa, per cui, il decreto regionale che regolamenta il numero di nasse è, allo stato attuale, l’unico in vigore.

Il decreto ministeriale del 21 dicembre 2018, infatti, riguarda una tipologia di attrezzi che nulla hanno a che fare con le nasse normalmente utilizzate in Sardegna. Si tratta di attrezzi chiamati “discendenti” che hanno diversa foggia come per esempio barattoli, spezzoni di tubi in PVC etc. che hanno una funzione di “tana” per il polpo ed è questa la modalità di cattura. Tali attrezzi, al contrario delle nasse, non sono codificati da alcuna norma, per cui era doveroso arrivare ad una loro regolamentazione che ne consentisse l’utilizzo e il decreto del 21 dicembre aveva proprio questo scopo in attesa di uno specifico studio sull’impatto di questa tipologia di pesca. Nonostante fosse chiara la differenza, appena FedAgriPesca si è resa conto che c’era qualcuno che interpretava in maniera errata la norma nazionale, allargandola alle nasse, ha subito chiesto, già dalla settimana scorsa, che il Ministero diramasse una nota in merito che togliesse qualsiasi dubbio, esplicitando che le nasse non sottostavano alle regole dettate dal decreto incriminato. La nota è stata fatta secondo quanto da richiesto da FedAgriPesca e sarà diramata al più presto.

La Federazione non può tacere sul fatto che alcune associazioni hanno voluto giocare su questo equivoco al solo scopo di creare malcontento nei confronti delle associazioni cooperative dell'Alleanza tra cui FedAgriPesca di Confcooperative. FedAgriPesca aveva già chiarito con le diverse capitanerie che avevano tranquillamente recepito come l'unica norma di riferimento per le nasse fosse quella regionale.

Cagliari, 23 gennaio 2019

I commenti sono chiusi