Settore pesca in ginocchio per calamità naturali 2018

FedAgriPesca Sardegna, in maniera unitaria con le altre organizzazioni del settore pesca, ha inviato un comunicato stampa nel quale ha esposto la situazione del comparto in ginocchio per le calamità naturali dell'anno 2018 e non solo.

Di seguito il testo integrale del comunicato che è stato pubblicato dai principali quotidiani sardi di cui trovate in allegato gli articoli

Il settore pesca in ginocchio per le calamità naturali del 2018
Il malcontento dei pescatori sardi continua a crescere, ulteriormente amplificato dai gravi danni arrecati al settore della pesca e dell’acquacoltura dalle violente mareggiate e dalle condizioni meteomarine avverse che nel corso del 2018 si sono ripetutamente verificate nella nostra isola impedendo una regolare attività lavorativa degli operatori ittici della Sardegna.
Questa situazione ha messo a dura prova l’intero settore pesca, già provato dalle stringenti e troppo spesso assurde normative europee, in una situazione ormai diventata insostenibile e di fronte ad una vera e propria emergenza che rischia di avere gravissimi contraccolpi socioeconomici e occupazionali.
“Le imprese della pesca si trovano ormai sotto attacco da diversi anni” sostengono i rappresentanti delle associazioni di categoria che rappresentano la quasi totalità dei pescatori sardi “adesso ci si è messo pure il maltempo a mettere in ginocchio il comparto pesca”.
Nello specifico caso dei danni subiti dalle imprese per le calamità naturali del 2018 le organizzazioni evidenziano come non si sia arrivati ad attivare alcuna misura di compensazione per il settore, anche perché le procedure esistenti per l’eventuale richiesta di indennizzi sono spesso macchinose e restano bloccate anni a causa di lungaggini e pastoie burocratiche spesso incomprensibili non permettendo ai pescatori di poter ottenere alcuna forma di aiuto, basti pensare ai danni subiti per le alluvioni ultime dalle lagune del sud e del centro Sardegna da quelle del Sarrabus a Santa Gilla fino all’oristanese, danni reali e mai ristorati nonostante le promesse.
Le organizzazioni si fanno pertanto portavoce del malcontento che anima gli operatori della pesca per richiamare con forza sin da subito l’attenzione del nuovo Governo Regionale sulla necessità di interventi urgenti per il settore.
“Bisogna trovare la maniera di garantire alle imprese ittiche sarde lavoro e redditività anche in situazioni di grave criticità come quella attuale. A sostegno di queste legittime richieste chiederemo precisi impegni al prossimo governo regionale” concludono i responsabili delle organizzazioni del settore pesca in Sardegna.

Articolo L'Unione Sarda 2019-03-05 Unione Sarda su situazione comparto pesca comunicato FedAgriPesca

Articolo La Nuova Sardegna 2019-03-05 Nuova Sardegna situazione comparto pesca comunicato FedAgriPesca

Cagliari, 5 marzo 2019

I commenti sono chiusi